ansia1

Ansia

l’ ansia o angoscia sono una sintesi mutevole di incertezza, eccitazione e paura.
L’ansia è il modello di reazione autonomo, caratteristico per ciascun organismo individuale, allo stimolo di un agente nocivo.

Numerose tecniche psicologiche si occupano delle sindromi ansiogene e supportano i pazienti aiutandoli a trovare dentro se stessi la soluzione al problema.

attacchi di panico

Attacchi di panico

Il disturbo da attacchi di panico ( DAP) è la manifestazione di un volto di noi che teniamo nascosto, un’energia psichca che teniamo bloccata che viene a manifestarsi attraverso sintomi molto violenti: fiato corto, tachicardia, sudorazione, sensazione di svenire, di perdere il controllo, di impazzire o morire. Chi soffre di attacchi di panico, solitamente, nella vita di tutti i giorni non perde mai il controllo e tende ad identificarsi con un preciso modo di essere, quello della persona padrona di sé, soddisfatta, per la quale tutto va alla perfezione, lasciando poco spazio agli istinti profondi.

Anche in questo caso la terapia psicologica può essere di grande aiuto ed in molti casi anche risolutiva,

Training-autogeno

Il training autogeno è una tecnica di rilassamento di interesse psicofisiologico, usata in ambito clinico nel controllo dello stress, nella gestione delle emozioni e nelle patologie con base psicosomatica.

Il Training autogeno è utile inoltre nella cura di ansia, insonnia, emicrania, asma, ipertensione, attacchi di panico e in tutte quelle patologie dove l’aspetto psicosomatico sia rilevante. Ma il TA ha un ruolo positivo anche in molti altri contesti: in particolare, per atleti e sportivi in genere, in quanto favorisce il recupero di energie, permettendo una migliore gestione delle proprie risorse. Migliora inoltre la concentrazione e contribuisce al conseguimento di alte prestazioni.

È importante sapere che, nel training autogeno, il rilassamento non è la cosa principale, ma è un “effetto collaterale” del mutato equilibrio psicofisico.

terapia di gruppo

Corsi sostenuti ed attività

  • Diploma in medicina psicosomatica alla Scuola di Riza
  • Training autogeno
  • Psicologia dell’emergenza
  • Terapia della famiglia
  • Psicologia dinamica
  • Distensione immaginativa
  • Bioenergetica
  • Tecniche anti stress
  • Preparazione e uso dei fiori di Bach
  • Psicoterapeuta europea
  • Associazione L. T. M. che si occupa di gruppi di auto aiuto psicologico.

depressione1

Depressione

La depressione è considerata il “ male oscuro” del nostro secolo e se non ci si riferisce alla malattia conclamata, ma a tutta quella ampia gamma di sfumature( che sono la percentuale maggiore) che rientrano nel concetto di “ sindrome depressiva” e possono ogni tanto essere presenti nella vita di ognuno di noi, un italiano su quattro ne soffre. Spesso il farmaco è un’illusione che crea dipendenza, per questo va usato solo nei casi di estrema gravità.

Esistono molte tecniche psicologiche che aiutano a combattere questa patologia.

stress1

Disturbo post traumatico da Stress

Il PTSD è la diagnosi di disturbo post-traumatico più nota e più studiata. E’ , in un certo senso, il prototipo dei disturbi post-traumatici, è però solo uno dei disturbi che possono emergere in seguito ad un evento traumatico.

E’ caratterizzato dalla compresenza, per almeno un mese, di sintomi intrusivi, di evitamento e di aumentato aurousal( rapido risveglio con comparsa di mutazioni caratteristiche nella corrente cerebrale) in seguito all’esposizione ad eventi traumatici di particoilare gravità.

Anche in questo caso la psicologia dispone di numerose tecniche di intervento di aiuto per migliorare o risolvere queste patologie.

fiori di bach

Fiori di Bach

Era convinzione del dott. Bach, medico nato in un villaggio vicino a Birmingham nel 1886, che la malattia non potrà mai essere curata o minata alle radici con i moderni metodi materialistici per la semplice ragione che l’origine della malattia non è materiale. Ciò che noi conosciamo della malattia è un evento finale che si manifesta nel corpo come la risultante di una somma di forze che hanno agito a lungo in profondità. Per il dott. Bach, la principale ragione dei fallimenti della moderna scienza medica risiede nel fatto che si concentra sui sintomi invece che sulle cause. I preparati che si ottengono con i fiori che lui ci ha lasciato curano invece uno stato psicologico di profondo malessere, che tutti noi possiamo accusare, in momenti particolari della nostra vita.

Attingendo i suoi rimedi al regno vegetale, la terapia floreale di Bach può essere considerata una forma molto particolare di fitoterapia, perché anche se Bach, in quanto medico, ha sempre condotto le sue ricerche seguendo rigorosamente il metodo scientifico sperimentale, è altresì vero che il collegamento del rimedio vegetale con uno stato particolare di squilibrio emozionale, invece che con i sintomi di questa o quella malattia, differenzia nettamente questo sistema di cura dalla fitoterapia come generalmente si intende e si pratica, rendendo i fiori di Bach uno strumento più consono al lavoro dello psicologo che a quello del medico.